Corso base di revit PER L’ARCHITETTURA E L’INGEGNERIA

A Montesilvano (Pescara).

Corso Intensivo di 36 ore.

Inizia il 9 Maggio 2019.

Pensato per l’Architettura e l’Ingegneria …

Impara a sfruttare il BIM alla massima potenza con uno dei software più rivoluzionari degli ultimi anni.

Una proposta di formazione ideata da tolmh

Ti forniremo le basi essenziali per imparare a realizzare e gestire un modello BIM con Revit

comprendi l’interfaccia

Impara come muoverti attraverso il browser di progetto e come interagire con le principali funzionalità del software.

usa e gestisci le famiglie

Inserisci e modifica i parametri delle famiglie all’interno del progetto. Imparerai a disegnare per mezzo di relazioni.

costruisci il modello bim

Imparerai a definire un modello BIM seguendo un flusso di lavoro ordinato, esattamente come nella costruzione di un edificio reale.

estrai i dati dal modello

Trasforma il tuo modello in dati grafici e numerici (attraverso gli abachi, le viste e la successiva messa in tavola).

Puoi evitare gli errori del progetto

Revit è in grado di individuare e risolvere le interferenze tra i diversi apporti progettuali. Noi ti forniremo un metodo per gestire con semplicità un insieme complesso di informazioni.

Con le Fasi di Progetto avrai il controllo completo della cronologia

Il progetto può essere gestito secondo un ordine temporale. Avrai il controllo totale delle demolizioni e delle costruzioni e potrai definire un quadro comparativo dei lavori (tavola dei gialli e dei rossi).

Gli abachi

Gli elementi grafici possono essere trasformati in informazioni numeriche sotto forma di abachi e relazioni tra essi. Anche se l’argomento è apparentemente complesso, non avrai problemi nel costruire i tuoi abachi in modo semplice ed immediato.

Aggiorna la messa in tavola in tempo reale

Tutte le modifiche appportate al progetto dopo la messa in tavola si aggiorneranno automaticamente. Ti insegneremo come gestire con rapidità il flusso di lavoro nell’impaginazione e nelle relazioni tra le diverse viste.

Non serve che tu sia un esperto

Sono in molte le persone che ritengono Revit un software non semplice … noi siamo convinti del contrario: il nostro metodo di lavoro è ispirato alla semplicità.

non solo Tecnica … ma soprattutto Metodo

Capire gli elementi chiave di una geometria complessa, riconoscere la qualità della Luce, saper leggere una fotografia … sono tutte conoscenze che contribuiscono alla formazione di un Metodo. La Tecnica consiste nella conoscenza dei comandi, ma gli algoritmi si evolvono in continuazione … nessuna conoscenza tecnica si renderà duratura nel tempo.
Il Metodo invece può rimanere con noi per molto molto tempo.
Pierre Francastel ha scritto che la Prospettiva è stata la più grande rivoluzione delle arti figurative di tutto il 900 … poi è arrivata la Rivoluzione Digitale, ma gran parte di quello che vediamo e che facciamo è ancora ispirato ai 3 metodi fondamentali della Rappresentazione. Sulla base di questa consapevolezza abbiamo definito la nostra mission sulla trasmissione del Metodo.
Questo Corso nasce dal progetto ideato da Tolmh (Centro di Formazione e Ricerca sul Disegno Digitale).
Tolmh è un gruppo specializzato nel campo dell’Archiviz e della Modellazione Parametrica, con l’obiettivo di sperimentare nuove vie di Ricerca nell’ambito (ormai sempre più vasto e complesso) del Disegno Digitale. La mission di Tolmh è anche quella di affiancare i professionisti nella definizione delle proprie idee progettuali offrendo tutto il supporto necessario allo sviluppo delle competenze.

Presentazione del Corso

Revit la macchina del futuro:

E’ un corso che ha l’intento di affrontare un modo nuovo di gestire il progetto in tutti i suoi aspetti in maniera veloce ed efficace: dalla progettazione alla computazione attraverso il BIM con Revit. Il software è uno dei più potenti programmi di progettazione basati sul metodo BIM (Building Information Modelling) presenti attualmente sul mercato. Esso permette di gestire in un unico file dati grafici e modello 3D e di sviluppare tutti gli aspetti tecnici riguardanti l’organismo edilizio: struttura, analisi energetica, computo metrico, gestione e manutenzione dell’opera per l’intero ciclo di vita.
Nella pratica, Revit consente a tutte le figure coinvolte d’interagire sia nella fase di progettazione che
costruttiva, come pure in quella di manutenzione; ne consegue un incremento di produttività e di qualità risparmiando in termini di tempi e di costi.
Il percorso di formazione sviluppato nella versione “BASE” si propone di fornire tutti gli strumenti utili per gestire autonomamente un progetto mediante l’utilizzo del software.

Docenti

Tony D’Ercole

Tony D’Ercole, fondatore del gruppo n-o-t, può vantare un esperienza di formazione presso numerosi ordini professionali oltre che di consulenza svolta per professionisti ed aziende.

Architetto di formazione, specializzato con indirizzo Tecnologico, ha iniziato lo studio del BIM quando questo tipo di approccio alla progettazione era ancora agli albori.

Ha conseguito riconoscimenti e certificati ufficiali sui software Autodesk Maya e Maxwell Render, e successivamente su Autodesk REVIT (Come Certified Professional).

Dal 2019, co-fondatore del Centro di Ricerca e Formazione sul Disegno Digitale Tolmh, assieme a Lorenzo Martella.

Lorenzo Martella

Appassionato di disegno da sempre.

Architetto di formazione, poi specializzato con un Dottorato di Ricerca in “Rilievo e Rappresentazione per l’Architettura e per l’Ambiente” e con un Master in “Rappresentazione Digitale per l’Architettura”.

“Credo nella potenza comunicativa delle immagini e nell’opportunità straordinaria di una rappresentazione realistica ed emozionante delle nostre visioni … Spesso un immagine racconta più delle nostre parole. La mia prima visione di un progetto avviene con strumenti analogici. Sono legato alle mie penne stilografiche, ai miei inchiostri e a tutti gli altri strumenti di disegno che ancora oggi (in piena rivoluzione digitale) uso nel mio quotidiano”.

Interlocutori

Il corso è rivolto a tutti coloro che, appassionati di progettazione, desiderano dedicare maggior tempo allo sviluppo dell’idea progettuale e costruttiva grazie alle numerose innovazioni offerte da Revit.

I nostri referenti principali sono i professionisti (Architetti, Ingegneri e Designer), ma anche gli studenti che desiderano un approfondimento sulle nuove tecnologie informatiche per la progettazione sono nostri potenziali interlocutori.

Il corso prevede degli approfondimenti mirati all’acquisizione di un Metodo. Per chi è alla ricerca di approfondimenti di natura esclusivamente tecnica e per chi desidera delle “ricette pronte per l’uso”, ci sentiamo di scoraggiare dal frequentare questo corso. Il nostro approccio va nella direzione opposta.

Obiettivi Formativi

Obiettivo del corso è introdurre i corsisti all’utilizzo del software in maniera semplice e graduale.
Ogni partecipante apprenderà i concetti alla base del BIM, i tools del disegno parametrico, gli oggetti intelligenti di REVIT e le relazioni fra di essi, la computazione, l’impaginazione e la renderizzazione del modello sviluppato.
Alla fine del ciclo di lezioni, avendo acquisito una vasta serie di automatismi che agevolano notevolmente il compito del progettista, ogni partecipante sarà in grado di gestire autonomamente un progetto mediante l’utilizzo del software.

Durata e Strutturazione del Corso

Il corso prevede 4 incontri della durata di 9 ore ciascuno. Ogni giornata sarà strutturata in due sessioni intervallate da una pausa a fine mattinata.

Dove e Quando

Il corso si svolgerà a Montesilvano (Pe) a Maggio 2019. Sono previste queste date: 9/10 e 16/17 Maggio 2019. Il corso si svolgerà presso tolmh (Centro di Formazione e Ricerca sul Disegno Digitale). Tutte le altre info sono riportate sulla scheda di iscrizione. Puoi farne richiesta in ogni momento senza alcun vincolo.

Risorse Materiali

Tutti i partecipanti dovranno presentarsi muniti di un proprio notebook sul quale dovranno già essere installati i seguenti software:

  • Autodesk Revit 2019 (o superiore).

Conoscenze di Base

Per seguire con profitto il corso è consigliabile che il partecipante abbia già famigliarità con gli strumenti informatici per la rappresentazione: ci riferiamo alle nozioni di base del disegno CAD.

Programma Dettagliato del Percorso Formativo

Modulo 1

Revit – Nozioni di Base

| presentazione del corso |
| parte 1 – introduzione |
  • Definizione e vantaggi del BIM attraverso un confronto con i tradizionali metodi di lavoro;
  • Differenza tra i software BIM e i software CAD;
  • Introduzione al mondo REVIT dalla nomenclatura al flusso di lavoro;
  • Il cuore di Revit: il concetto di famiglia e la loro classificazione: DI SISTEMA, CARICABILI, LOCALI;
  • Comprendere la struttura dell’interfaccia Ribbon suddivisa in sezioni : sapersi muovere all’interno di REVIT sfruttando il browser di progetto e le barre dei menù;
| Parte 2 – gestire lo spazio di lavoro e i primi comandi |
  • Le OPZIONI per comprendere la localizzazione dei file;
  • Come personalizzare la grafica dell’interfaccia e la posizione dei file di modello;
  • Il comando SALVA: metodi e tecniche per evitare la perdita di dati;
  • Impostare i parametri di base ancor prima di iniziare un progetto: le unità di misura, gli Snap, i livelli di visualizzazione;
  • LE PRIME OPERAZIONI: la selezione degli oggetti, il salvataggio di selezione ed i filtri;
  • Gli STRUMENTI DI MODIFICA: il comando Sposta, Copia, Ruota, Allinea, Offset, Copia speculare, Riduci/estendi ad angolo, Riduci/estendi un singolo o più elementi, Scala, Matrice;

Modulo 2

Gli elementi di visualizzazione e di modellazione

| Parte 1 – la visualizzazione e lo spazio di lavoro |
  • Gli stili degli oggetti e la visibilità/grafica;
  • La gerarchia delle sostituzioni grafiche e le impostazioni di dettaglio;
  • I vari livelli di visibilità ed i Retini;
  • Elementi che fanno parte dello spazio di lavoro: I livelli e le rispettive viste di pianta;
  • Le viste 3D, gli spaccati, viste di Prospetto e di Sezione;
  • Le griglie: strumenti indispensabili per la modellazione ordinata del progetto come alter ego del fabbricato;
  • I piani di riferimento: differenza tra griglie, piani di riferimento e linee di riferimento;
| Parte 2 – Le famiglie di sistema e caricabili |
  • Le FAMIGLIE di Sistema: quali sono e come lavorarci;
  • I Muri: come inserirli, stratificarli e modificarne il profilo;
  • I Pavimenti: Duttilità , impiego ed applicazioni;
  • I Tetti: Come crearli, definirne l’inclinazione ed usarli all’interno di un progetto;
  • Le Scale: modellazione attraverso l’uso di rampe o attraverso l’uso del comando di disegno;
  • Le Rampe inclinate: uso del comando Rampa, uso del comando disegna;
  • Le Ringhiere: proprietà di istanza e del tipo, la trama e le balaustre;
  • Le FAMIGLIE Caricabili : Definizione, come inserirli e le relazioni tra di essi attraverso i vincoli;
  • Porte e Finestre : le frecce di controllo, le etichette associate e la loro duttilità;

Modulo 3

Migliorare la lettura del disegno

| Parte 1 – elementi di modellazione |
  • Le facciate continue: proprietà istanza e del tipo, definirne i parametri e disegnarle nel progetto;
  • Le facciate continue: Personalizzarle modificandone il profilo e sostituendo i pannelli con i pieni i vuoti e gli accessori;
  • Complementi di modellazione MURO: inserimento di profili e scanalature;
  • Complementi di modellazione TETTO: grondaie, fasce, intradosso;
  • Come creare gli abbaini raccordando due elementi di copertura;
  • Definire le aperture sia nei muri che nei solai e nei tetti;
| Parte 2 – oggetti di annotazione |
  • Il comando testo : le proprietà da personalizzare;
  • Le QUOTE: Allineata , angolare e lineare;
  • Definire uno stile di quota;
  • Opzioni di quotatura automatica;
  • Le ETICHETTE: parametriche;
  • Le ETICHETTE per categoria;
  • Etichette Multicategoria o per materiale;
  • Le note Chiave: inserimento, modifica e trasformazione attraverso un file txt;
    Relazione tra le note chiave ed il file di origine;
  • Note Chiave Utente e Nota Chiave materiale;
  • Caricare il file per note chiave personalizzate;
| Parte 3 – i locali |
  • I LOCALI: inserirli in un progetto, delimitarli entro un limite personalizzato, assegnare loro le etichette;
  • LE AREE: differenza rispetto ai locali, delimitazione personalizzate, assegnare loro le etichette;
  • Gli intervalli di visualizzazione e le Regioni di Pianta;
  • Creare gli schemi colore;
  • Sfruttare il comando locali per il calcolo dei VOLUMI;

Modulo 4

Il contesto e i dati di progetto

| Parte 1 – le superfici topografiche |
  • Come importare ed esportare file DWG: utilizzo dei comandi inserisci
    La gestione delle immagini Raster: importazione ed editing all’interno del progetto;
  • Le Superfici Topografiche: il sistema di coordinate;
  • Creare un terreno attraverso l’inserimento di punti di quota;
  • Creare un terreno attraverso l’importazione di curve/punti di livello;
  • Le sottoregioni: cosa sono e come inserirle;
  • Le piattaforme: le proprietà ed il loro uso;
  • Editare una superfice topografica: Dividere, unire e livellare;
  • Inserire i componentì e le etichette;
| Parte 2 – i dati di progetto: gli abachi |
  • Gli abachi: la loro creazione ed il funzionamento;
  • Il data base degli abachi: i campi, i filtri, il raggruppamento e la formattazione;
  • Computo metrico dei materiali;
  • Elenco delle tavole;
  • Esempio di abaco degli infissi;
  • Relazione tra abaco ed il modello Bim;
    Aggiunta di un parametro calcolato (formula) all’interno di un abaco;
| Parte 3 – le fasi di lavoro |
  • Le fasi di Lavoro: capire il loro funzionamento;
  • Definire le fasi: inserirle e organizzarle cronologicamente;
  • Definire i “filtri delle fasi”;
  • Il carattere di ogni oggetto: Nuovo, Esistente, Demolito, Temporaneo;
  • La sostituzione grafica: formattazione degli elementi in funzione del filtro;
  • Associazione delle fasi alle viste di disegno;
  • Creare nuove viste in funzione delle fasi;
  • Ottimizzare il browser di progetto per le fasi di lavoro;

Modulo 5

Le varianti, i controsoffitti e gli elementi strutturali

| Parte 1 – le varianti di progetto |
  • Le varianti: cosa sono e come usarle;
    Differenza tra FASI e VARIANTI di progetto;
  • Creare un gruppo di Varianti;
  • Le Varianti primarie;
  • Spostare un elemento da una Variante all’ altra;
  • Accettare la Variante Primaria;
| Parte 2 – i controsoffitti |
  • Piante dei controsoffitti: capire come vengono impostate;
  • Controsoffitto in modalità automatica;
  • Controsoffitto da disegno: crearli e stratificarli;
  • Il Motivo da superfice: retino da modello;
  • Inserimento di corpi illuminanti nei controsoffitti: associarli al motivo da superficie;
| Parte 3 – pilastri e travi |
  • La differenza tra Pilastro architettonico e strutturale;
  • I parametri Istanza e Tipo;
  • Inserimento di un pilastro architettonico;
  • Posizionamento di un pilastro strutturale: uso delle griglie;
  • Come inserire un pilastro inclinato;
  • Sfruttare il pilastro architettonico come involucro del pilastro strutturale;
  • Associazione ad altri elementi: opzioni di associazione;
  • Le Travi e i sistemi di travi;
  • Posizionare le travi in un progetto;
  • Collegamenti di piu travi;
  • Parametri Istanza e Tipo di una trave;
  • Creare un sistema di travi;
  • Impiego dei piani di riferimento per creare delle orditure inclinate;

Modulo 6

I materiali e la messa in tavola

| Parte 1 – applicare i materiali agli oggetti |
  • Definire i materiali alle Murature;
  • Grafica, Aspetto e Identità di un materiale;
  • Aspetto: Riflettività Trasparenza, autoilluminazione, composizione e tinta;
  • Personalizzare un materiale;
| Parte 2 – la messa in tavola: i cartigli |
  • Come caricare un nuovo cartiglio;
    Capire le relazioni tra i cartigli e le viste di progetto;
  • Editare e personalizzarlo;
  • Duplicare le viste con dettaglio o dipendente;
  • Definire l’aspetto degli oggetti nelle viste;
  • I modelli di vista;
  • Le campiture e le maschere: differenza ed uso nella graficizzazione delle tavole;
  • Le linee: Stili di linea, spessori di linea, e modelli di linea;
  • Assegnazione di uno stile di linea alla categoria degli elementi;
  • La messa in tavola del progetto: inserimento delle viste in una tavola;
| Parte 3 – la stampa del progetto |
  • Impostazione di stampa;
  • Aspetto di stampa: La qualità e i colori;
  • Esportazione di una tavola;
| Parte 4 – esercitazione |
  • Determinazione di un modello con applicazione di tutti gli elementi espressi a lezione;

Compila il Modello con i tuoi dati e iscriviti al Corso di Revit Base per l’Architettura e l’Ingegneria.

Edizione di Montesilvano (Pescara).

Maggio 2019.

Frequently Asked Questions

Numero di Partecipanti

Il numero di partecipanti è limitato a 8 persone.

Quota di iscrizione

La quota di iscrizione è pari a € 650,00 oltre IVA e Tasse. Per tutti gli studenti e/o per chi ha già seguito uno dei nostri corsi la quota è ridotta a € 380,00 oltre IVA e Tasse.

Termine di iscrizione

Le iscrizioni dovranno pervenire entro il giorno 7 Maggio 2019, salvo disponibilità.

Modalità

Compila il modulo online e invia la tua richiesta preventiva di iscrizione. Successivamente ti sarà inviato un modulo pdf da compilare e firmare con tutte le informazioni e le istruzioni da seguire per concludere la procedura.

Reso della Quota di iscrizione in caso di annullamento del corso

Nel caso in cui non si dovesse raggiungere il numero minimo di partecipanti per l’attivazione del corso, le quote già versate saranno restituite.

Reso della Quota di iscrizione per motivi esterni agli organizzatori

Superata la data del 7 Maggio 2019, qualora uno dei candidati dovesse rinunciare alla frequenza del corso, per qualunque motivo, la quota non potrà essere restituita.

Entro la data del 7 Maggio 2019, chiunque ne faccia richiesta, potrà annullare la propria iscrizione e ricevere indietro l’importo già versato al netto degli eventuali costi di rimborso che saranno a carico del richiedente.

La somma che hai versato non andrà comunque persa. Se lo vuoi potrai seguire la prossima edizione del corso senza sostenere ulteriori costi.

Sede del Corso

Il corso si svolgerà presso la sede TOLMH (Centro di Formazione e Ricerca sul Disegno Digitale) di Montesilvano (Provincia di Pescara). Tutte le altre info utili sono indicate nel modulo pdf da compilare all’atto dell’iscrizione. Per ricevere il modulo basta farne richiesta, senza alcun vincolo.

durata del corso

Il corso prevede 4 giorni full-immersion.

Orari del Corso

Il Corso si svolgerà nella mattina dalle ore 09:00 alle ore 13:00 e nel pomeriggio dalle ore 14:30 alle ore 19:30.

materiale a supporto del corso

Tutti i file utilizzati durante le lezioni saranno messi a disposizione dei partecipanti.

quali caratteristiche deve possedere il mio computer per poter seguire le lezioni?

Per quanto riguarda il processore consigliamo un Intel Core i7 (o superiore), anche se non di ultimissima generazione. Non sono richieste schede video particolari; ci sentiamo comunque di sconsigliare le schede video integrate. Infine, per quanto riguarda la RAM, consigliamo 8 GB o superiore.

Per gli utenti Mac consigliamo di installare Autodesk Revit su piattaforma WINDOWS sfruttando il Bootcamp.

chiunque può seguire il corso?

Per seguire con profitto il corso sono richieste delle conoscenze minime di disegno CAD.

DOPO IL CORSO COSA SUCCEDE

Chi lo vorrà potrà rimanere in contatto con noi. Saremo sempre disponibili ad aiutarvi a risolvere i problemi legati a un vostro progetto. Abbiamo anche altre possibilità di dialogo: spesso organizziamo dei workshop dimostrativi e gli ex-corsisti sono sempre bene accetti. I workshop in genere sono gratuiti e hanno una durata variabile dalle 2 alle 4 ore, a seconda degli argomenti affrontati. Anche chi ha seguito il corso può proporre un workshop di propria iniziativa. Saranno concordati assieme alcuni temi di approfondimento e tutti gli altri dettagli necessari per l’organizzazione dell’evento. Chi desidera rimanere aggiornato sugli eventi in programma non deve fare altro che iscriversi alla nostra newsletter.

se ho bisogno di un ripasso cosa devo fare?

Chi vuole rivedere alcuni argomenti affrontati all’interno del corso non deve fare altro che seguire nuovamente il corso. Non ci sono costi da sostenere. I posti sono limitati sulla base degli iscritti e sulle disponibilità di spazio. Quando viene pubblicato un nuovo evento in programmazione non bisogna fare altro che iscriversi specificando di essere già stato un corsista.

quando i software vengono aggiornati cosa succede?

La cosa più semplice che potete fare è seguire nuovamente il corso; è il modo più semplice per scoprire le ultime novità e rimanere aggiornati. Potete anche decidere di seguire solo una parte del corso o singole lezioni, a seconda delle vostre necessità. Come già specificato non ci sono costi da sostenere.

quando si farà il prossimo corso?

In genere questo corso viene fatto mensilmente, su diverse città italiane. Se nel periodo in cui hai bisogno i corsi attivi fossero differenti diamo comunque disponibilità per seguire gratuitamente una parte delle lezioni. Esempio: i corsi di “REVIT+C4D+Corona” e “REVIT-Base” posseggono contenuti simili per quanto riguarda la parte di modellazione parametrica, e quindi se hai frequentato un corso con all’interno Revit puoi seguire qualunque altro corso con all’interno lo stesso software (limitatamente ai contenuti che hai già affrontato nel corso precedente).

è possibile fare corsi privati e/o per aziende?

Certo che è possibile. I corsi per le aziende sono la nostra principale occupazione: abbiamo circa vent’anni di esperienza con aziende specializzate nel campo dell’interior design e dell’indutrial design. Per quanto riguarda i privati, possiamo organizzare consulenze individuali o di gruppo a seconda delle necessità che ci verranno esposte.

Per qualunque necessità o chiarimento potete contattarci con il Contact Form.

Contact Form

10 + 14 =

Per restare sempre aggiornato su tutte le nostre iniziative puoi anche iscriverti alla nostra newsletter

Pin It on Pinterest

Share This